diabete
Commenti disabilitati su Diabete: ma quanto ci costi (in tutti i sensi)?

Diabete: ma quanto ci costi (in tutti i sensi)?

Facciamo 2 conti in base ai dati forniti dall’OMS (organizzazione mondiale della sanità)

download (4)

 

 

 

 

 

 

 

DIABETE:

  • Costo medio di un paziente diabetico di tipo 2 in Italia è di 6.072.000 lire/anno
  • Costo annuo totale 10,500 miliardi di lire (circa 6 milioni di euro), pari al 6,65% del Fondo sanitario nazionale.
  • Il 60% della spesa annua è destinato alle ospedalizzazioni per complicanze.
  • Il 22% della spesa annua è destinato al consumo di farmaci (Cardiovascolari 34%).
  • Un paziente diabetico con complicanze micro e macroangiopatiche costa 10.792.000 di lire.

 

INFARTO:

  • 100.000 nuovi casi di infarto ogni anno
  • 300 casi di infarto ogni 100 mila abitanti
  • 187 decessi per infarto ogni 100 mila abitanti
  • 8% di sopravvissuti a infarto che subiscono una recidiva infartuale entro l’anno
  • da 3 a 6,5 milioni di lire il costo di un ricovero per infarto a seconda che sia semplice o con complicanze.

ICTUS:

  • 130.000 nuovi casi di ictus ogni anno
  • 20% di aumento dei casi previsto per il prossimo decennio
  • 11% di posti letto italiani occupati
  • 30% di mortalità attuale dell’ictus
  • da 5 a 8 milioni di lire il costo di ospedalizzazione per paziente, a seconda della gravità della diagnosi.
(dati riportati in Lire, studio iniziato precedentemente l’introduzione dell’attuale moneta)

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha previsto, per i prossimi anni, un vertiginoso aumento del diabete, soprattutto di tipo 2. Tra il 1995 e il 2025 il numero dei diabetici aumenterà di circa il 42% nei paesi sviluppati e di circa il 170% in quelli in via di sviluppo.

Conclusioni di Personaltrainerumbria.it: concentriamoci sul FARE, quindi dico repetita iuvant”. Prevenzione, prevenzione, prevenzione…attività fisica e sane abitudini alimentari non solo per risolvere un problema ma anche (e SOPRATTUTTO) per evitarne in futuro. Controllo del peso, stile di vita e dieta alimentare sono fattori di rischio modificabili, cioè dove è possibile intervenire e correggere a 360°, diminuendo così quindi la possibilità di contrarre tale patologia (soprattutto il diabete di tipo 2). Investire sulla propria salute porta grandi dividendi nel medio/lungo termine…poniamo lo sguardo oltre la siepe!