download_e
Commenti disabilitati su L’obesità infantile predice la sindrome metabolica nell’adulto

L’obesità infantile predice la sindrome metabolica nell’adulto

 Si può predire fin dall’infanzia l’insorgenza di malattie metaboliche da adulti??? Ecco uno studio che parla di questo.

OBIETTIVI: Determinare l’età in cui si verifica, negli adulti con o senza sindrome metabolica, un significativo divario tra l’indice di massa corporea (BMI) e la circonferenza della vita, e fornire alcuni valori specifici di età e di sesso che possano predire nell’infanzia un possibile sviluppo della sindrome metabolica in età adulta.

STUDIO: La prima parte di questo studio è una retrospettiva di una ricerca a cui hanno partecipato 92 uomini e 59 donne (con un’età media di 51 anni) che avevano la sindrome metabolica e 154 adulti selezionati casualmente raggruppati per età e per sesso che non avevano avuto la sindrome. La seconda parte è stata uno studio predittivo per convalidare la recisione di questi valori, ed è stata eseguita su un campione di 743 partecipanti. RISULTATI: Le prime differenze tra gli adulti con e senza sindrome metabolica si sono verificate in un’età compresa tra gli 8 e i 13 anni per quanto riguarda i valori di BMI, mentre tra i 6 e i 13 per quelli della circonferenza della vita, dati che sono stati rilevati sia nei ragazzi che nelle ragazze. L’odds ratio (ORs) per la sindrome metabolica a 30 o più anni variava da 1,4 a 1,9 anni nei ragazzi e da 0,8 a 2,8 tra le ragazze, se fosse preso in considerazione come criterio di indagine un elevato BMI nell’infanzia. Il corrispondente ORs per la circonferenza vita variava da 2,5 a 3,4 nei maschi e 1,7 a 2,5 e ragazze. Questi ORs sono aumentati con il numero di controlli effettuati.

CONCLUSIONI: I bambini con valori di BMI e di circonferenza vita che superano il criterio stabilito valori sono maggiormente a rischio per la sindrome metabolica una volta diventati adulti.
Sun SS, Liang R, Huang TT, Daniels SR, Arslanian S, Liu K, Grave GD, Siervogel RM.
J Pediatr. 2008 Feb

“Tratta bene il tuo corpo: è l’unico posto che hai per vivere”